sabato 22 febbraio 2014

La Piccola Casa delle Mele

La casetta che sorge in un florido meleto è il luogo in cui il sogno e la vita reale si incontrano e si uniscono. Il luogo in cui la magia vive nei gesti quotidiani, così come oltre il velo di rosea foschia mattutina, nelle visioni che l'anima ispirata raccoglie ogni volta che apre gli occhi sul mondo.
La piccola casa delle mele nasce dai sogni, dall'amore per la vita armoniosa, e dal desiderio di imprimere il segno della bellezza, quella voce luminosa che sussurra al cuore incantato e chiede d'essere raccontata attraverso il dono della parola.

"...vedo nel sogno la mia piccola dimora... è di pietra antica, piccola e incantevole... sembra nascere da un racconto magico, da una di quelle fiabe dove una fanciulla giunge per sentieri boschivi punteggiati di fiori a una casetta nel centro di una radura del bosco, circondata dal prato verdissimo, da alberi da frutto pieni di fiori bianchi e rosa, e illuminata da un sole caldo e dorato, che la protegge con amore... una casetta abitata da tanti animaletti e da una donna antica, che con fili d'argento tesse e ricama il destino di chi giunge a lei, ed anche il suo... ma che sa anche preparare deliziose torte di mirtilli e more, di fragole e lamponi, e ne lascia sempre qualche fetta per i suoi amici animali, sbriciolandola ai piedi degli alberi fioriti per poi nascondersi ad osservare volpi e tassi che, cauti e guardinghi, si avvicinano per gustare le prelibatezze...
Una casetta piena di fiorellini colorati sui davanzali, di edera che si arrampica sui muri, di luce che filtra in ogni angolo e in tutta la radura circostante, facendo brillare le foglie, i petali, e tutti i colori della natura...
Nella radura il frutteto profuma di meli in fiore, che vi crescono numerosi... ma anche di peschi, ciliegi e pruni... il sole li nutre e li protegge, aiuta i fiori a sbocciare, i frutti ad uscire dai semi, a crescere e a maturare...
Gli uccellini amano così tanto quel luogo fuori dal tempo, che spesso vi si intrattengono a lungo, abitano le casette di legno sempre piene di semini e acqua fresca che la donna antica appende ai rami degli alberi per loro, e sanno che fra loro e quella donna dal sorriso luminoso scorre un legame antico... un legame segreto che non riveleranno mai a nessuno...
Un'Armonia incantata regna perenne in quella piccola casetta, nella radura, nel frutteto e nel bosco circostante... e nulla può mutare... nulla, in nessun tempo potrà mutare.
...vedo nel sogno la mia piccola dimora... e quando ci incontreremo le mie mani saranno piene di semi...
semi di pruno, di ciliegio, di pesco... e tanti, tantissimi semi di melo..."

 

Questo brano era stato scritto per il Diario di Foglie d'Argento, e segna un legame che nonostante i cambiamenti di cui è preda perenne il mondo moderno, non si spezzerà mai: il legame fra l'armonia del passato e quella del presente.
Tutto cambia, ma ciò che nasce dall'armonia antica, pur mutando forma, non cambia mai. E troverà sempre il modo per rinascere.

3 commenti:

la Dama del Bosco ha detto...

leggerti è come entrare in un mondo incantato ma reale, ritrovare la vera Avalon. Meraviglioso. Un abbraccio Fanciullina.
fairy

Claudia ha detto...

Quanta magia qui!! Non vedo l'ora di leggere altre tue parole in questa tua casetta incantata :))

Ely Valsecchi ha detto...

Sono incantata da questa meraviglia...